Condividi Su
facebook +Share
Hai bisogno di aiuto ? +39 366 20 13 676 / +39 081 570 83 97 Lun. - Ven. 10.00 - 18.00 | Sab. 9.30 - 13.30
Spedizione gratuita da 199€ in su.
Carrello 0
0,00 €

TAMA SUPERSTAR CLASSIC MAPLE 22/10/12/16/14SD • TANGERINE LACQUER BURST

Sku Prodotto: CL52KRS-TLB

Condividi Su
  • Configurazione: Rock Set
  • Cassa: 22”x 16”
  • Toms: 10”x 07” • 12”x 08”
  • Floor Toms: 16”x 14”
  • Rullante : 14"X6,5"
  • Materiale: Maple • 6 strati Tom/Snare (spessore 5 mm), Cassa 8 strati (spessore 7 mm)
  • Finitura: Laccata • Tangerine Lacquer Burst (TLB)
  • Cerchi: Tripla Flangia
  • Bordo del fusto: 45° gradi per Toms/Floor
  • Pelli di serie: Power Craft II" drum heads (except Duo snare batter head) • Ring mufflers on bass drum heads remove the need for extra internal muffling
  • Accessori Inclusi: MTH600 Supporto Tom doppio
TAMA
Prezzo: 835,00 €

QT.À

+ -
nuovo
CONDIZIONE
Nuovo
DISPONIBILITÀ IMMEDIATA
DISPONIBILITÀ
Immediata
Consegna in 24-72 ore

VARIANTI DISPONIBILI

CONFRONTA PRODOTTO
Non hai prodotti da confrontare
Condividi Su


Per più di quarant'anni, il nome Superstar è stato sinonimo di design innovativo,
qualità costruttiva superiore, tono genuino e proiezione chiara. Superstar Classic
mantiene ancora una volta la tradizione alzando l'asticella per i batteristi più
esigenti—e notevolmente—lo fa a un prezzo estremamente competitivo.
Attingendo alla Superstar del passato, il suo classico badge TAMA a forma di T e
le singole anse aerodinamiche a bassa massa indicano lo stato dell'arte più semplice
degli anni '70, mentre l'ingegnoso sistema Star-Mount e il nuovo calibro più sottile
dei fusti 100% acero eclissano qualsiasi cosa in la sua classe. Visivamente incantevole,
lo strato esterno di Gloss Lacebark Pine possiede un complesso motivo a venature
del legno per conferire a questo kit un aspetto visivo straordinario.

Attributi
SKU CL52KRS-TLB
Materiale MAPLE
Finitura LACCATA
Write Your Own Review
Recensione prodotto:SUPERSTAR CLASSIC MAPLE 22/10/12/16/14SD • TANGERINE LACQUER BURST
La tua recensione